Divide et impera

grup||sco|lo
s.m.
CO piccola formazione politica extraparlamentare di tendenze estremistiche spec. di sinistra.

***

In risposta all’articolo pubblicato da Il Mattino di domenica 9 novembre 2008 (“Protesta anti-Gelmini senza caos. Lettere contesta Scienze Politiche”), Logos afferma che nel corso dell’Assemblea studentesca di sabato 8 novembre 2008 non è stata “contestata” alcuna accusa al Collettivo SciPol.

Al contrario, è stata stabilita l’autonomia della mobilitazione della Facoltà di Lettere e Filosofia che, pur condividendo con altre realtà universitarie finalità e obiettivi, si riconosce come indipendente nelle proprie modalità organizzative e operative.

Presumere l’esistenza di un conflitto tra Logos e SciPol non solo mina la compattezza della mobilitazione universitaria ma non rispecchia quanto realmente avviene. Siamo certi di condividere con SciPol la volontà di evitare la pericolosa nascita di “profezie che si autoavverano”. Teniamo inoltre a sottolineare che abbiamo ben altro di cui occuparci che erigerci a giudici dell’altrui condotta e che ci rattrista vedere i titoli dei giornali cadere nel trito stereotipo dei soliti gruppuscoli dediti soltanto a schermaglie sterili.

P.S. Per evitare di prestare il fianco, da oggi si stabilisce che nessuno è autorizzato a rilasciare dichiarazioni ai giornali nominando Logos. Si usa l’apposito ufficio stampa. I contatti sono:

bisanzioberto chiocciola libero.it;

rampazzo_5 chiocciola hotmail.com;

giorgiofogliani chiocciola hotmail.it

Annunci

3 Risposte

  1. Giustamente i giornalistuncoli infiltrati sono molto malleabili ed alla ricerca del caso. E’ gradito il testo integrale dell’articolo comunque.

  2. Si infatti..quell’articolo chi l’ha mandato?! Da chi e come è stato concepito?
    Per la cronaca, anche se è un mese che lo ripeto, ma noi di scienze politiche non siamo nè quelli del collettivo nè di centri sociali ecc…
    Siamo semplicemente degli studenti, come voi. Come avete infatti detto abbiamo gli stessi obiettivi, quindi non ha senso perdersi in divisioni inutili.

    Bu – scipol

  3. IL NEWSMAKING

    @mateo
    è vero, i giornalisti (i titolisti, in questo caso) sono alla ricerca della notizia, anche quando non c’è. per quel che riguarda il testo dell’articolo non è stato trascritto perché il contenuto, per quello che riguardava la mobilitazione di lettere, era corretto. riportava un’intervista di una studentessa che collabora con noi e che ha riportato i contenuti dell’assemblea di sabato mattina in modo corretto e onesto. non ho l’articolo sottomano, ma mi ricordo bene un virgolettato dell’intervista recitava che rispetto a scipol agiamo in modo “parallelo ma distinto”. il che mi sembra correttissimo.

    @bu
    caro bu, vedi sopra. spero che questo fatto non incrini i rapporti tra lettere e scienze politiche, perché ci guadagniamo tutti a collaborare e, come sottolinei tu, non ha senso perdersi in divisioni inutili e, aggiungerei, dannose. anche per questo, appena uno di noi ha letto il giornale, c’è stato al volo un giro di telefonate e ci siamo precipitati a scrivere questo post per chiarire le cose.
    come dici tu, siete studenti voi, siamo studenti noi, e badiamo bene a non farci infinocchiare da questi manicheismi.
    c’è da aggiungere che noi di lettere non abbiamo il controllo dei mezzi di informazione, il che sarebbe certo un bel passo per raggiungere il potere 🙂 ma, a parte gli scherzi, il titolo non l’abbiamo fatto noi e risulta difficile scusarsi per quello che non abbiamo fatto. chi ha letto l’articolo sa che sull’intervista (cioè la parte che era sotto il nostro controllo) non c’è niente da eccepire.
    ad onor del vero, ci tengo a precisare che non sono nemmeno i giornalisti a scegliere i titoli dei propri pezzi (stranomavero: chiunque abbi collaborato con un quotidiano lo sa). quindi, la giornalista del mattino che ci segue ha nessuna responsabilità sul titolo infamato e infamante (infamente per noi che ci facciamo la figura dei collusi, infamente per voi che ci fate la figura dei cattivi). un anonimo titolista ha provato il vecchio trucco del newsmaking: cioè fare la notizia anche quando non c’è.

    spero sinceramente che tutti a scipol siano consapevoli di queste cose. se ci vediamo al’linterfacoltà all’exfiat alle 15 di oggi (lunedì 10) e ci chiariamo faccia a faccia. lo spero.

    chiara – logos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: