Civilissimi e non.

Avevano chiesto di parlare con l’Onu, a Marina di Massa. Però li hanno caricati (le hanno caricate. C’erano molte donne). 

Toscana, dove sei?

P.S. Per il tg1 Riotta: per fare giornalismo, basta un microfono.

Update: c.v.d. Dopo Castelvolturno, Lampedusa e Marina di Massa, anche Torino. Stavolta con i centri sociali.

GAZA – IMMAGINI DI UN CONFLITTO CONTEMPORANEO

gazaLunedì 26 gennaio alle ore 18.00 ne discutiamo con:

VILMA MAZZA dell’associazione Ya Basta, tra i partecipanti al viaggio Cipro – Gaza a bordo della nave del “FREE GAZA MOVEMENT” e un rappresentante della Comunità Palestinese di Padova.

VIA MARZOLO, 15 – Quartiere Portello

L’incontro sarà la prima tappa per la costruzione di un ciclo di seminari di autoformazione sui conflitti globali contemporanei e sul ruolo della formazione. Gli incontri si terranno all’interno dell’Università di Padova e richiederanno l’acquisizione di crediti formativi.

Lezione di odio, segnale di pace

gipi1

Molte attività, incontri, seminari e proiezioni si stanno organizzando per la tragica situazione dei civili a Gaza.  

Una tra queste: domani, sabato 24 gennaio alle ore 15:00 una manifestazione partirà da piazza Erbe e arriverà fino a Prato della Valle.

Per:

1. l’interruzione di tutte le operazioni militari, il ritiro completo dell’esercito israeliano da Gaza, la fine dell’assedio e dell’embargo, l’apertura dei valichi, il rispetto delle istituzioni palestinesi democraticamente elette;

2. la fine di tutte le azioni belliche contro le popolazioni civili sia palestinesi che israeliane;

3. chiedere ad Israele il rispetto del diritto internazionale e delle risoluzioni ONU, pena la sospensione di tutti gli accordi militari, commerciali e di cooperazione con l’Unione Europea;

4. la costruzione di una pace vera e giusta in Medioriente, con il coinvolgimento di tutte le parti interessate, incluso Hamas;

5. l’attuazione delle risoluzioni ONU che definiscono i confini dello Stato di Israele e i territori dello Stato Palestinese richiamate anche nell’ultima, la 1860 del 9 gennaio 2009 che chiedono la fine dell’occupazione della Cisgiordania, della Striscia di Gaza e di Gerusalemme est;

6. garantire alla popolazione palestinese una protezione internazionale dell’ONU lungo i confini del 1967.  

Si invita a partecipare, tra le molte altre in programma, anche a questa manifestazione: a dare, ognuno come può e come crede, un segnale di volontà di pace.

Università Aperta #2 – Liberi Saperi in Liberi Spazi

Martedì 20 Gennaio 2009 a Palazzo Maldura avrà luogo la seconda edizione di “UNIVERSITÀ APERTA” dalle 18:30 alle 24:00. L’iniziativa è organizzata dagli studenti della mobilitazione di Lettere e Filosofia in collaborazione con la Facoltà.

La serata ruoterà attorno i tre temi della scuola, del lavoro e della libertà del sapere. Lo scopo è quello di aprire uno spazio di riflessione con altre realtà sociali in crisi, così da coinvolgere la cittadinanza nei progetti e nelle iniziative che abbiamo sviluppato negli ultimi mesi.

PROGRAMMA

18.00 – ASSEMBLEA DI FACOLTÀ

           L’onda dalla 133 alla 180

 

20.30 – TAVOLA ROTONDA “LA SCUOLA DOPO LA RIFORMA GELMINI”

           Interverranno insegnanti, maestre e genitori – presentazione del gruppo di lavoro sulla Scuola

 

           CINEFORUM “L’AMORE AL TEMPO DELLA CRISI”

           presentazione del gruppo di lavoro sul precariato

           CONCERTO “BURKINA LOUNGE”

           presentazione del gruppo di lavoro sui saperi liberi

 

22.30 – CONCERTO “I GNARI + DJOLIBÈ”

          JAM SESSION

Ancora attivi e decisi a portare avanti la nostra lotta, nonostante la conversione in legge della 180, vogliamo tornare a mostrare la prospettiva di un’ università come luogo di libera creazione e espressione dei saperi. Di fronte all’estendersi della crisi economica vogliamo inoltre coinvolgere in un dialogo altre componenti sociali che questa stessa crisi non vogliono e non possono pagare: la scuola e i lavoratori.

Non pagheremo noi la vostra crisi.

L’onda non si ferma!

Università RIAPERTA!

Domani alle 15:00 in Vetrina ci troviamo per organizzare l’Università Aperta che la presidenza ci ha concesso per il 20 Gennaio. Invitiamo quindi chiunque volesse proporre attività di vario genere a venire domani oppure a contattarci a mobilitazione.lettere@gmail.com. Invito inoltre tutti i partecipanti ai gruppi di lavoro a presentarsi domani per stabilire come avverrà la presentazione dei vari percorsi all’interno della serata.

 

Questa seconda serata vuole svilupparsi nella direzione della prima, cercando di creare un momento di socialità che porti la città all’interno delle mura dell’università per creare momenti di dialogo e confronto. Riempiamo di nuovo la nostra facoltà dei contenuti che in questi mesi abbiamo sviluppato.

 

Ancora una volta PARTECIPIAMO!

Assemblea d’Ateneo rinviata

L’assemblea d’ateneo dl 14 gennaio è stata spostata alla settimana prossima (quella dal 19 al 25), dato che da molte parti è emerso il problema di riprendere il lavoro dopo la pausa natalizia. Questo, inoltre, ci dà l’opportunità per strutturarla meglio e di riavviare in maniera più tranquilla le riflessioni iniziate nelle diverse facoltà.

Lunedì 12 Gennaio 19:00 – Assemblea di gestione ex copyriot

Domani 12 Gennaio alle 19:00 all’ex-copyriot si terrà la prima assemblea di gestione dell’anno. Invitiamo tutti a partecipare e a portare il loro contributo ad una riflessione che vuole essere aperta alle varie sensibilità del movimento e fornire uno spazio  che faccia da sponda alle esigenze della mobilitazione padovana. Non c’è un ordine del giorno.Ci incontriamo per capire in che direzioni sviluppare il lavoro nei prossimi mesi. L’opportunità è sembrata quella di poter riflettere più organicamente su problemi che nelle facoltà non si riescono, per varie ragioni, ad affrontare e che riguardano la nostra condizione di studenti.

Ci vediamo numerosi domani sera!