E’ proprio necessario?

(da IlGazzettino.it del 12 maggio )

Treviso. Cassamarca non paga i prof,
a rischio la facoltà di Giurisprudenza

L’Università di Padova pronta a rivolgersi alla magistratura
se la convenzione firmata dieci anni fa non sarà rispettata

20090512_universitastv01TREVISO (12 MAGGIO) – Nubi scure si addensano sul futuro dell’università a Treviso: il senato accademico dell’Ateneo di Padova ha deliberato di rinviare per ora ogni decisione sull’avvio di un nuovo ciclo di studi della Facoltà di Giurisprudenza a Treviso, riservandosi di ritornare sulla questione nelle prossime settimane.

Da due anni Fondazione Cassamarca non paga gli stipendi ai professori come invece previsto dalla convenzione firmata ormai dieci anni fa. L’Ateneo di Padova ha già più volte dichiarato nei mesi scorsi la sua disponibilità a rivedere la convenzione per il futuro, ma non può accettare che Cassamarca non onori gli impegni presi per il passato e per l’anno in corso.

L’Ateneo, si legge in una nota diffusa sulla vicenda, si trova quindi nella necessità di dover rivolgersi alla magistratura per vedere riconosciuti i suoi diritti, ed ha già dato mandato in tal senso all’avvocatura dello Stato.

(da IlGazzettino.it del 15 maggio)

Treviso. Università a rischio chiusura,
Sacconi: «Faremo in modo di salvarla»

TREVISO (15 maggio) – Per il ministro del Welfare, il coneglianese Maurizio Sacconi, l’Università di Treviso non solo «non deve chiudere», anzi, deve continuare il suo lavoro e riqualificarsi. Sacconi lo ha affermato oggi, mentre sul futuro dell’Università della Marca pende una spada di Damocle molto affilata, vista la mancanza di fondi.
il ministro del Welfare ha detto che il governo «farà in modo che l’università rimanga, ma ancor più che si qualifichi».

Bisognerà capire quando e in che termini il governo vorrà intervenire per salvaguardare l’ateneo trevigiano, in questi giorni oggetto di discussione per alcuni attriti fra il presidente della Fondazione Cassamarca, Dino De Poli, ed i rettori degli atenei di Venezia e Padova. «Io mi auguro – ha aggiunto il ministro – che il nuovo rettore sia persona che guardi con attenzione alla realtà trevigiana».

Cosa ci sarà dietro?

Annunci

Una Risposta

  1. Questa Università, a Treviso, non serve; non porta qualità.
    A Treviso serve un’Università molto qualificata, che faccia arrivare professori e studenti stranieri.
    Al contrario gli studenti trevigiani possono studiare a Padova o a Venezia; meglio ancora se vanno all’estero. In questa direzione vanno fatti gli investimenti. Ma è assurdo (e molto provinciale) fare investimenti per far studiare i trevigiani a Treviso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: