Germania, Bildungsstreik ’09. Oltre duecentomila studenti in piazza. Occupate le università

(da Uniriot.org)

Più di duecentomila studenti in piazza in tutta la Germania per il Bildungs streik 2009, settimana di agitazione, scioperi e dibattiti del mondo della scuola e dell’università contro la crisi e il processo di Bologna. Il conflitto sull’università e la formazione è oggi a tutti gli effetti un conflitto globale, diffuso e generalizzato.

Dopo le occupazioni in  Italia, Croazia, Spagna e Stati Uniti in questi ultimi mesi, anche in Inghilterra, in particolare a Londra e in Germania le università e le scuole sono in mobilitazione. L’Onda europea vuole rovesciare la crisi, lascia il fallimento del processo di Bologna ai legislatori e comincia a costruire la propria università, le proprie pratiche, il proprio linguaggio di conflitto e autonomia. Gli slogan rilanciano le stesse parole d’ordine che l’Onda ha lanciato in questi mesi: “Salvare l’università non solo le banche”, “Sganciate il denaro, ribelliamoci ai banditi del sociale!”.

Gli studenti chiedono l’abolizione delle tasse universitarie (che continuano ad aumentare con la crisi) e denunciano la frammentazione e la specializzazione idiota dei saperi legata al processo di Bologna. Il leader della conferenza dei rettori tedeschi simpatizza con alcune rivendiacazioni degli studenti, per quanto riguarda la mancanza di fondi e di docenti, ma rigetta le richieste sull’abolizione delle tasse e le altre richieste più radicali.

Il ministro dell’istruzione Annette Schavan, sul News Daily (leggi l’articolo) rigetta le accuse degli studenti sostenendo che il sistema della formazione in Germania è migliorato negli anni scorsi.

Rassegna stampa dal dieZeit.de:

Ein Blog zum Bologna-Prozess

Bewegte Massen

Kreise an der Uni Hamburg

Protest auf Probe

Gelmini: “Penso a un bonus per chi studia alle private”

“Costituzione alla mano, voglio che tutti abbiano il diritto di scegliere se andare alla scuola pubblica o alla scuola paritaria. Quindi, siccome le scuole paritarie costano, sto pensando a una riforma che dia la possibilità di accedere a un bonus a chi vuole frequentarle”. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini(nella foto), in un’intervista al ‘Corriere della sera’. Il ministro è anche ritornato sul rapporto Ocse sulla scuola italiana, un dossier “che finalmente supporta la posizione del governo sulle riforme”. Ovvero “reclutamento degli insegnanti – ha detto la Gelmini -, la necessità di introdurre la meritocrazia, ringiovanire il corpo insegnante, gli incentivi: tutte cose che vado dicendo da più di un anno”. “Stiamo pensando – ha spiegato – anche ad altre riforme che non c’entrano con l’Ocse. Come il sostegno economico per le scuole paritarie”. Sull’idea del bonus alle scuole private, la Gelmini ha aggiunto: “La libertà di scelta è un diritto costituzionale. E sono tante le riforme che si possono fare risparmiando soldi e facendo funzionare la scuola”. E i dati Ocse della Finlandia, dimostrano che “non è vero che bisogna puntare sulla quantità, bensì sulla qualità – ha precisato il ministro -. Intendo: quantità di soldi, di ore di insegnamento”.

Il DDL fantasma..

Il ministro Gelmini, contrariamente a quanto previsto, non presentera’
al Consiglio dei Ministri del 12 giugno 2009 il testo del DDL sulla
‘governance’ degli Atenei e sul reclutamento.

Il 26 maggio scorso tutte le Organizzazioni della docenza universitaria (ADU, ADI, ANDU, APU, CISAL Universita’, CISL Universita’, CIPUR-Confsal, CNU, CNRU, FLC CGIL, SUN, UIL P.A.-U.R. AFAM, UDU, UGL Universita’ e Ricerca, USPUR) hanno chiesto un incontro al ministro Gelmini per un confronto su una bozza ufficiale del DDL PRIMA della sua presentazione in Consiglio dei Ministri (v. in calce la lettera inviata al Ministro). Fino ad oggi dal Ministro non e’ pervenuta alcuna risposta.

Io non respingo, a scuola nessuno è clandestino e all’università non si laureano i dittatori!‏

Padova, 11 giugno 2009. Il Comitato genitori e insegnanti per la scuola pubblica di Padova aderisce alla campagna nazionale contro i respingimenti “Io non respingo”, promossa dal 10 al 20 giugno 2009 in decine di città italiane, in occasione della visita di Gheddafi in Italia. Lunedì 15 giugno 2009 è in programma un momento informativo e di approfondimento aperto a tutti presso il Cinema Torresino, via del Torresino – Padova, promosso in collaborazione con il circolo the Last Tycoon. Alle ore 21.00 ci sarà la proiezione del film-documentario “Come un uomo sulla terra” di Riccardo Biadene, Andrea Segre, Dagmawi Yimer. “Come un uomo sulla terra” è un viaggio di dolore e dignità, attraverso il quale viene data voce alla memoria quasi impossibile di sofferenze umane, rispetto alle quali l’Italia e l’Europa hanno responsabilità che non possono rimanere ancora a lungo nascoste. (Per approfondimenti sul film e sulla campagna: http://comeunuomosullaterra.blogspot.com / http://fortresseurope.blogspot.com/ ) Alla proiezione seguirà una discussione con Annalisa Frisina e Devi Sacchetto, ricercatori presso il Dipartimento di Sociologia dell’Università di Padova e con insegnanti e genitori impegnati sui temi dell’accoglienza a scuola.

Segnalazione! Barcamp al Liviano 11 e 12 giugno

barcamp

Che cos’è un barcamp? E’ “una conferenza aperta, una non-conferenza. Uno spazio attrezzato a disposizione di esperti, interessati, utenti: mai solo spettatori delle pratiche altrui ma partecipanti attivi alla costruzione di uno spazio comune”.

Qui di seguito qualche informazione tratta dal sito dell’evento:

A Padova l’11 e 12 giugno si terrà una delle prime esperienze universitarie italiane di barcamp: “Inter-cultur@. Ricerca, reti sociali e internet”, promosso dal Master in Studi Interculturali dell’Università di Padova.

Il barcamp si propone come un luogo fisico e virtuale che mette in gioco il carattere relazionale, collaborativo e condiviso delle costruzione delle pratiche e delle ricerche chiedendo a tutti i soggetti coinvolti di partecipare attivamente alla costruzione di uno spazio comune.

Proprio per questo la modalità barcamp finisce per intercettare, a nostro parere, chiunque abbia a che fare con l’intercultura intesa non tanto come una disciplina o una competenza tra le altre ma come processo di costruzione e riorganizzazione continua  delle proprie pratiche e dei  propri approcci teorici  entro uno spazio aperto, complesso e mai saturo di relazioni. Essere interculturali significa, per necessità e virtù, essere inter-operativi.

Ci saranno 3 sessioni parallele in continuo dialogo tra di loro:

  • Pratiche: uno spazio dedicato alle esperienze professionali, ai progetti realizzati e da realizzare, una vetrina critica (per capire assieme i percorsi produttivi conviene confrontarsi anche sui fallimenti) di quello che in Italia e all’estero si è fatto e si sta facendo nel contesto così eterogeneo dell’intercultura. Un’attenzione particolare alle storie di vita per un identikit aperto dell’intercultura. In questa sede verrà dato spazio anche a laboratori applicativi, dibattiti e performance.
  • Ricerche: un’Università che sempre più si deve proporre come spazio di incontro di percorsi avanzati di ricerca. Le discipline sempre più si mettono in dialogo: la filosofia con la psicologia, le scienze giuridiche con l’antropologia, la formazione con le arti, ecc… Questa continua sperimentazione e innovazione si realizza nelle singole pratiche, nel desiderio di trasformare la realtà con la conoscenza.
  • Internet:  Internet è un luogo di sperimentazione e di costruzione della conoscenza in forme collaborative,  offre possibilità ancora poco esplorate per rinforzare il carattere relazionale di pratiche e ricerche, si propone come spazio di confronto fra linguaggi e competenze diverse, agisce in ambito internazionale, oltre a proporsi come luogo di sperimentazioni culturali e interculturali molto originali e innovative. Da ciò la necessità di unire in un’iniziativa unica nella forma del barcamp  intercultura e modalità di lavoro della rete.

Proprio per la sua forma e per i temi che saranno affrontati questa è un’occasione importante di confronto per gli studenti: la seconda sessione sarà infatti dedicata alla formazione e alla ricerca, e chiunque voglia intervenire per portare un contributo alla discussione sul futuro dell’università, della ricerca e della didattica sarà il benvenuto.

Per maggiori informazioni:

http://barcamp.org/intercultur@2009 

http://campintercultura.org/

GIOVEDI’ SERA L’EVENTO CONTINUA IN PIAZZA TOSELLI CON PROIEZIONI, MUSICA, INSTALLAZIONI!

Ancora sul prossimo DDL Gelmini

Stiamo ancora attendendo che il nuovo DDL Gelmini sulla riforma dell’Università venga pubblicato. Per temperare maggiormente l’attesa, ecco un ulteriore “riassunto” di tale disegno:

Il nuovo DDL Gelmini sulla riforma dell’Università:

  • Il Consiglio di amministrazione e le strutture universitarie
    La riforma prevede che i Consigli di amministrazione degli atenei pubblici possano vantare solo una minoranza di membri interni, tra cui figurerà il Rettore; la maggior parte del Consiglio sarà invece composto da membri esterni nominati dal Ministro. Novità in arrivo anche per quel che concerne le strutture universitarie: mentre i Dipartimenti saranno rafforzati, le Facoltà dovranno infatti essere rimpiazzate da “scuole” attivate sul modello statunitense. Oltre alle attività di ricerca, i Dipartimenti dovranno pertanto occuparsi anche della gestione dei corsi di laurea.
  • Lo stato giuridico dei docenti
    La carriera professionale dei docenti universitari seguirà un percorso “unico”, anche se continuerà ad essere divisa nelle tre fasce di Professore ordinario, Professore associato e Ricercatore (o Professore aggregato). Nonostante l’introduzione dell’abilitazione scientifica nazionale, i passaggi per gli avanzamenti di carriera saranno decretati dagli atenei, che elimineranno quasi completamente i concorsi. Sarà inoltre ridotto il numero di conferme necessarie per l’ingresso in ruolo: per esempio, a chi ha ottenuto la conferma come ricercatore basteranno quattro anni di servizio per immettersi direttamente in ruolo.
  • L’ abilitazione scientifica nazionale e la progressione di carriera
    Una commissione di otto docenti ordinari sorteggiati da una lista di 24 “eletti” per ogni disciplina gestirà il concorso per l’abilitazione scientifica nazionale, che potrà essere ottenuta annualmente per concorso. I settori scientifici minori saranno accorpati per poter prevedere almeno 50 ordinari per ogni raggruppamento. Un docente straniero affiancherà gli otto sorteggiati.
    Novità in vista anche per quel che concerne la progressione “salariale” di carriera: lo scatto stipendiale biennale per l’aumento di stipendio potrà essere ottenuto solo previa approvazione della relazione scientifica sulle attività svolte che docenti e ricercatori presenteranno ogni due anni.

(da Università.it)