NOI NON ABBIAMO PAURA!

All’alba di oggi, su ordinanza della Procura di Torino, in merito ad un’inchiesta sui fatti riguardanti le contestazioni al G8 dell’università, sono state effettuate numerose perquisizioni ed arresti in tutta Italia.

La Digos di Padova, affiancata da un gruppo di poliziotti in tenuta antisommossa, ha fatto irruzione allo Sherwood Festival intorno alle 6 del mattino, sfondando uno dei cancelli che accedono all’area del parcheggio Nord dello stadio, e in diverse abitazioni di attivisti. Si contano 3 arresti cautelativi, tra cui i nomi di ragazzi fino ad ora incensurati.

Appare chiaro che l’intento di questa bieca operazione non è altro che reprimere e terrorizzare quelle forza di movimento che per un anno hanno saputo attraversare l’Italia con le proprie rivendicazioni e le proprie idee, in vista di un G8 in cui l’Italia non può che apparire in mutande. Non si punisce l’eversione, la pericolosità paventata a gran voce, giacché i capi di imputazione sono quantomeno irrisori a fronte delle energie dispiegate dalle forze dell’ordine, a fronte della realtà di quel giorno, quello che questo governo vuole è lanciare un avvertimento mafioso e da regime.

Si vuole reprimere perché si ha paura, perché questo movimento ha saputo toccare i gangli scoperti di un sistema debole e meschino, che tra scandali e gossip dimostra di non aver la minima idea di come uscire da una crisi che noi ci rifiutiamo di pagare.

Si vuole punire pratiche come l’autoformazione, l’autoriforma, la lotta alla precarietà, si vuole attaccare chi lotta per riconquistare spazi di libertà e di vita, chi rivendica il diritto di dissentire e chi vuole veder realizzato quello spazio del comune in grado di garantire tutto questo. Ci vogliono terrorizzati e succubi, ma non sarà così!

La reazione degli studenti non si è fatta attendere, questo indegno tentativo di impaurirci non ha avuto effetto, i rettorati di Venezia e Roma sono stati prontamente occupati dall’Onda, mentre in molte altre città sono state lanciate iniziative di contestazione.

Noi non abbiamo paura, la spinta dell’Onda non si ferma, pretendiamo la liberazione dei nostri compagni arrestati!

Liberi tutti! Liberi subito!

ONDA ANOMALA PADOVA

Annunci

2 Risposte

  1. Ma c’è stata un’assemblea d’ateneo? Perché altrimenti non capisco chi e a che titolo usi il nome “Onda anomala Padova”, che, fino a prova contraria, è di tutti…

  2. nessuna assemblea d ateneo, temo.
    se quest autunno ripartirà davvero una stagione di mobilitazioni all università sarebbe meglio smettere di usare il nome “Onda anomala” – con cui quando eravamo piccoli Mamma Uniriot ci battezzò.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: