Io non respingo, a scuola nessuno è clandestino e all’università non si laureano i dittatori!‏

Padova, 11 giugno 2009. Il Comitato genitori e insegnanti per la scuola pubblica di Padova aderisce alla campagna nazionale contro i respingimenti “Io non respingo”, promossa dal 10 al 20 giugno 2009 in decine di città italiane, in occasione della visita di Gheddafi in Italia. Lunedì 15 giugno 2009 è in programma un momento informativo e di approfondimento aperto a tutti presso il Cinema Torresino, via del Torresino – Padova, promosso in collaborazione con il circolo the Last Tycoon. Alle ore 21.00 ci sarà la proiezione del film-documentario “Come un uomo sulla terra” di Riccardo Biadene, Andrea Segre, Dagmawi Yimer. “Come un uomo sulla terra” è un viaggio di dolore e dignità, attraverso il quale viene data voce alla memoria quasi impossibile di sofferenze umane, rispetto alle quali l’Italia e l’Europa hanno responsabilità che non possono rimanere ancora a lungo nascoste. (Per approfondimenti sul film e sulla campagna: http://comeunuomosullaterra.blogspot.com / http://fortresseurope.blogspot.com/ ) Alla proiezione seguirà una discussione con Annalisa Frisina e Devi Sacchetto, ricercatori presso il Dipartimento di Sociologia dell’Università di Padova e con insegnanti e genitori impegnati sui temi dell’accoglienza a scuola.

Segnalazione! Barcamp al Liviano 11 e 12 giugno

barcamp

Che cos’è un barcamp? E’ “una conferenza aperta, una non-conferenza. Uno spazio attrezzato a disposizione di esperti, interessati, utenti: mai solo spettatori delle pratiche altrui ma partecipanti attivi alla costruzione di uno spazio comune”.

Qui di seguito qualche informazione tratta dal sito dell’evento:

A Padova l’11 e 12 giugno si terrà una delle prime esperienze universitarie italiane di barcamp: “Inter-cultur@. Ricerca, reti sociali e internet”, promosso dal Master in Studi Interculturali dell’Università di Padova.

Il barcamp si propone come un luogo fisico e virtuale che mette in gioco il carattere relazionale, collaborativo e condiviso delle costruzione delle pratiche e delle ricerche chiedendo a tutti i soggetti coinvolti di partecipare attivamente alla costruzione di uno spazio comune.

Proprio per questo la modalità barcamp finisce per intercettare, a nostro parere, chiunque abbia a che fare con l’intercultura intesa non tanto come una disciplina o una competenza tra le altre ma come processo di costruzione e riorganizzazione continua  delle proprie pratiche e dei  propri approcci teorici  entro uno spazio aperto, complesso e mai saturo di relazioni. Essere interculturali significa, per necessità e virtù, essere inter-operativi.

Ci saranno 3 sessioni parallele in continuo dialogo tra di loro:

  • Pratiche: uno spazio dedicato alle esperienze professionali, ai progetti realizzati e da realizzare, una vetrina critica (per capire assieme i percorsi produttivi conviene confrontarsi anche sui fallimenti) di quello che in Italia e all’estero si è fatto e si sta facendo nel contesto così eterogeneo dell’intercultura. Un’attenzione particolare alle storie di vita per un identikit aperto dell’intercultura. In questa sede verrà dato spazio anche a laboratori applicativi, dibattiti e performance.
  • Ricerche: un’Università che sempre più si deve proporre come spazio di incontro di percorsi avanzati di ricerca. Le discipline sempre più si mettono in dialogo: la filosofia con la psicologia, le scienze giuridiche con l’antropologia, la formazione con le arti, ecc… Questa continua sperimentazione e innovazione si realizza nelle singole pratiche, nel desiderio di trasformare la realtà con la conoscenza.
  • Internet:  Internet è un luogo di sperimentazione e di costruzione della conoscenza in forme collaborative,  offre possibilità ancora poco esplorate per rinforzare il carattere relazionale di pratiche e ricerche, si propone come spazio di confronto fra linguaggi e competenze diverse, agisce in ambito internazionale, oltre a proporsi come luogo di sperimentazioni culturali e interculturali molto originali e innovative. Da ciò la necessità di unire in un’iniziativa unica nella forma del barcamp  intercultura e modalità di lavoro della rete.

Proprio per la sua forma e per i temi che saranno affrontati questa è un’occasione importante di confronto per gli studenti: la seconda sessione sarà infatti dedicata alla formazione e alla ricerca, e chiunque voglia intervenire per portare un contributo alla discussione sul futuro dell’università, della ricerca e della didattica sarà il benvenuto.

Per maggiori informazioni:

http://barcamp.org/intercultur@2009 

http://campintercultura.org/

GIOVEDI’ SERA L’EVENTO CONTINUA IN PIAZZA TOSELLI CON PROIEZIONI, MUSICA, INSTALLAZIONI!

Ancora sul prossimo DDL Gelmini

Stiamo ancora attendendo che il nuovo DDL Gelmini sulla riforma dell’Università venga pubblicato. Per temperare maggiormente l’attesa, ecco un ulteriore “riassunto” di tale disegno:

Il nuovo DDL Gelmini sulla riforma dell’Università:

  • Il Consiglio di amministrazione e le strutture universitarie
    La riforma prevede che i Consigli di amministrazione degli atenei pubblici possano vantare solo una minoranza di membri interni, tra cui figurerà il Rettore; la maggior parte del Consiglio sarà invece composto da membri esterni nominati dal Ministro. Novità in arrivo anche per quel che concerne le strutture universitarie: mentre i Dipartimenti saranno rafforzati, le Facoltà dovranno infatti essere rimpiazzate da “scuole” attivate sul modello statunitense. Oltre alle attività di ricerca, i Dipartimenti dovranno pertanto occuparsi anche della gestione dei corsi di laurea.
  • Lo stato giuridico dei docenti
    La carriera professionale dei docenti universitari seguirà un percorso “unico”, anche se continuerà ad essere divisa nelle tre fasce di Professore ordinario, Professore associato e Ricercatore (o Professore aggregato). Nonostante l’introduzione dell’abilitazione scientifica nazionale, i passaggi per gli avanzamenti di carriera saranno decretati dagli atenei, che elimineranno quasi completamente i concorsi. Sarà inoltre ridotto il numero di conferme necessarie per l’ingresso in ruolo: per esempio, a chi ha ottenuto la conferma come ricercatore basteranno quattro anni di servizio per immettersi direttamente in ruolo.
  • L’ abilitazione scientifica nazionale e la progressione di carriera
    Una commissione di otto docenti ordinari sorteggiati da una lista di 24 “eletti” per ogni disciplina gestirà il concorso per l’abilitazione scientifica nazionale, che potrà essere ottenuta annualmente per concorso. I settori scientifici minori saranno accorpati per poter prevedere almeno 50 ordinari per ogni raggruppamento. Un docente straniero affiancherà gli otto sorteggiati.
    Novità in vista anche per quel che concerne la progressione “salariale” di carriera: lo scatto stipendiale biennale per l’aumento di stipendio potrà essere ottenuto solo previa approvazione della relazione scientifica sulle attività svolte che docenti e ricercatori presenteranno ogni due anni.

(da Università.it)

WARNING! Nuova riforma dell’università in arrivo

Naturalmente non se ne parla (per ora), ma appena saranno finite le elezioni – sembra il 12 giugno, per la precisione – sarà presentato il nuovo disegno di legge sull’università. Non contenta dei disastri chiamati 133 e 180, che hanno pesantemente tagliato i fondi, bloccato il turn-over del personale e stabilito che gli atenei possano trasformarsi in fondazioni private acquisendo gratuitamente ed esentasse tutto il patrimonio immobiliare, il ministro Gelmini è in procinto di dare la mazzata finale al sistema universitario.

Le bozze che circolano sono diverse, perché diverse sono le proposte, ma vi forniamo uno degli ultimi testi disponibili: i punti fondamentali sono comunque gli stessi, e sono i seguenti:

1. FACOLTA’ E DIPARTIMENTI CANCELLATI:  i dipartimenti (che non potranno avere meno di 30 o 40 docenti afferenti a seconda delle dimensioni dell’ateneo, 40 nel caso di Padova) saranno accorpati in “megadipartimenti”, che si occuperanno di ambiti disciplinari “affini”, e dovranno occuparsi non solo della ricerca, ma anche della didattica, ad oggi di competenza delle facoltà. Le facoltà, dal canto loro, non esisteranno più: al loro posto strutture di “coordinamento” tra dipartimenti per la gestione dei corsi di laurea che richiedono la collaborazione di più dipartimenti;

2. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN MANO AGLI ESTERNI: l’università funzionerà come un’azienda. Il consiglio di amministrazione sarà composto, oltre al rettore e ad un rappresentante degli studenti, da membri esterni all’università (la metà o tutti, a seconda delle proposte): insomma, avremo un’università gestita da commercialisti, manager, chi lo sa? Forse ci sono da sistemare un po’ di brillanti amministratori rimasti senza lavoro: d’altra parte, dall’Alitalia alle Ferrovie dello Stato la gestione privatistica del denaro pubblico ha dato ottimi frutti, nel nostro paese.

3. PRECARIZZAZIONE DELLA RICERCA: il ddl prevede l’istituzione della figura del ricercatore con contratto a tempo determinato, e spariranno tutte le figure intermedie (assegni di ricerca, post-dottorato ecc.). La didattica e la ricerca, in questo modo, verranno affidate a soggetti precarizzati con ovvie conseguenze sulla qualità di entrambe.

4. LA BANDIERA DELLA (FALSA) MERITOCRAZIA: sarà la grande bandiera, per quanto si può prevedere, con la quale sarà presentata questa riforma, così come è stato per gli interventi sull’università di quest’ultimo anno. Diranno che con questa riforma saranno premiati soltanto i migliori, e che finalmente il sistema feudale dei baroni scomparirà. La realtà: ricerca, didattica e “virtuosità” degli atenei saranno valutate soltanto in base a parametri economici e quantitativi (numero delle pubblicazioni e delle citazioni). E’ evidente che per valutare la QUALITA’ del sapere, della formazione e della ricerca una serie di numeri può dire ben poco. Un esempio è quello della valutazione della percentuale dei laureati prodotti da un ateneo: basta promuovere tutti a tutti gli esami ed è fatta: hai vinto! Ma non è altrettanto facile “produrre” un sapere di qualità, delle menti critiche e dei laureati preparati. Cosa che d’altra parte ai nostri legislatori poco interessa.

Se poi avete voglia di giocare a “TROVA LE DIFFERENZE”, questa è la Proposta di legge PD sull’università. Per non essere del tutto disfattisti, c’è da notare che questa proposta almeno prevede che si arrivi gradualmente a stanziare il 3% del PIL per l’università e la ricerca, e cancella l’articolo della 133 che prevede la trasformazione degli atenei in fondazioni private.

Infine, un commento: http://ledonniverdiverona.blogspot.com/2009/05/riforma-gelmini-delluniversita-in.html

Letteratura nella metropoli _ Dazieri

Giovedì 28 ore 16:30 Aula Vetrina

“Letteratura nella metropoli”

ultimo semiario del ciclo “Immaginari realtà letteratura”


con Sandrone Dazieri, giallista ed ex-militante del CSO Leoncavallo di Milano, autore della serie del Gorilla, alter-ego dell’autore, che soffre di sdoppiamento della personalità, buttafuori sui generis, costretto dalle circostanze e da un personalissimo senso della giustizia a trasformarsi in detective senza licenza.

Parlare di metropoli da dentro le sue incrinature può forse evidenziare in maniera diretta le paranoie che si trovano sulla superficie dell’acqua metropolitana, non vedendole dalla barca dell’immaginario-mainstram, ma dalla parte dei pesci che sott’acqua si muovono.

more info sull’autore: http://www.sandronedazieri.it

vi aspettiamo!

Presentazione libro – 28 Maggio

Locandina Definitiva

Assemblea lunedì 25 maggio

Ci troviamo tutti domani, lunedì 25 maggio alle 17 in Aula Vetrina, per un’assemblea che, credo, si possa ritenere molto importante..

Ordine del giorno:

1. Ultime cose da fare per l’ultimo seminario del ciclo “Immaginari, Realtà, Letteratura” (il 28 maggio) e la presentazione del testo “Crisi dell’economia globale” (quasi sicuramente il 29 maggio);

2. Discutere della bozza del nuovo DDL sull’università;

3. Cercare di comprendere assieme quale ruolo dare all’Assemblea in vista di ciò che accadrà in autunno: come organizzarci per poter esser pronti ad affrontare una nuova (probabile) “mareggiata”; in che modo garantire una continuità con il lavoro portato avanti quest’anno, mantenendo ovviamente un’apertura verso le nuove identità che si presentaranno.

Ovviamente qualsiasi altro argomento si voglia presentare sarà accolto..

A domani!