Segnalazione! Barcamp al Liviano 11 e 12 giugno

barcamp

Che cos’è un barcamp? E’ “una conferenza aperta, una non-conferenza. Uno spazio attrezzato a disposizione di esperti, interessati, utenti: mai solo spettatori delle pratiche altrui ma partecipanti attivi alla costruzione di uno spazio comune”.

Qui di seguito qualche informazione tratta dal sito dell’evento:

A Padova l’11 e 12 giugno si terrà una delle prime esperienze universitarie italiane di barcamp: “Inter-cultur@. Ricerca, reti sociali e internet”, promosso dal Master in Studi Interculturali dell’Università di Padova.

Il barcamp si propone come un luogo fisico e virtuale che mette in gioco il carattere relazionale, collaborativo e condiviso delle costruzione delle pratiche e delle ricerche chiedendo a tutti i soggetti coinvolti di partecipare attivamente alla costruzione di uno spazio comune.

Proprio per questo la modalità barcamp finisce per intercettare, a nostro parere, chiunque abbia a che fare con l’intercultura intesa non tanto come una disciplina o una competenza tra le altre ma come processo di costruzione e riorganizzazione continua  delle proprie pratiche e dei  propri approcci teorici  entro uno spazio aperto, complesso e mai saturo di relazioni. Essere interculturali significa, per necessità e virtù, essere inter-operativi.

Ci saranno 3 sessioni parallele in continuo dialogo tra di loro:

  • Pratiche: uno spazio dedicato alle esperienze professionali, ai progetti realizzati e da realizzare, una vetrina critica (per capire assieme i percorsi produttivi conviene confrontarsi anche sui fallimenti) di quello che in Italia e all’estero si è fatto e si sta facendo nel contesto così eterogeneo dell’intercultura. Un’attenzione particolare alle storie di vita per un identikit aperto dell’intercultura. In questa sede verrà dato spazio anche a laboratori applicativi, dibattiti e performance.
  • Ricerche: un’Università che sempre più si deve proporre come spazio di incontro di percorsi avanzati di ricerca. Le discipline sempre più si mettono in dialogo: la filosofia con la psicologia, le scienze giuridiche con l’antropologia, la formazione con le arti, ecc… Questa continua sperimentazione e innovazione si realizza nelle singole pratiche, nel desiderio di trasformare la realtà con la conoscenza.
  • Internet:  Internet è un luogo di sperimentazione e di costruzione della conoscenza in forme collaborative,  offre possibilità ancora poco esplorate per rinforzare il carattere relazionale di pratiche e ricerche, si propone come spazio di confronto fra linguaggi e competenze diverse, agisce in ambito internazionale, oltre a proporsi come luogo di sperimentazioni culturali e interculturali molto originali e innovative. Da ciò la necessità di unire in un’iniziativa unica nella forma del barcamp  intercultura e modalità di lavoro della rete.

Proprio per la sua forma e per i temi che saranno affrontati questa è un’occasione importante di confronto per gli studenti: la seconda sessione sarà infatti dedicata alla formazione e alla ricerca, e chiunque voglia intervenire per portare un contributo alla discussione sul futuro dell’università, della ricerca e della didattica sarà il benvenuto.

Per maggiori informazioni:

http://barcamp.org/intercultur@2009 

http://campintercultura.org/

GIOVEDI’ SERA L’EVENTO CONTINUA IN PIAZZA TOSELLI CON PROIEZIONI, MUSICA, INSTALLAZIONI!

Annunci

WARNING! Nuova riforma dell’università in arrivo

Naturalmente non se ne parla (per ora), ma appena saranno finite le elezioni – sembra il 12 giugno, per la precisione – sarà presentato il nuovo disegno di legge sull’università. Non contenta dei disastri chiamati 133 e 180, che hanno pesantemente tagliato i fondi, bloccato il turn-over del personale e stabilito che gli atenei possano trasformarsi in fondazioni private acquisendo gratuitamente ed esentasse tutto il patrimonio immobiliare, il ministro Gelmini è in procinto di dare la mazzata finale al sistema universitario.

Le bozze che circolano sono diverse, perché diverse sono le proposte, ma vi forniamo uno degli ultimi testi disponibili: i punti fondamentali sono comunque gli stessi, e sono i seguenti:

1. FACOLTA’ E DIPARTIMENTI CANCELLATI:  i dipartimenti (che non potranno avere meno di 30 o 40 docenti afferenti a seconda delle dimensioni dell’ateneo, 40 nel caso di Padova) saranno accorpati in “megadipartimenti”, che si occuperanno di ambiti disciplinari “affini”, e dovranno occuparsi non solo della ricerca, ma anche della didattica, ad oggi di competenza delle facoltà. Le facoltà, dal canto loro, non esisteranno più: al loro posto strutture di “coordinamento” tra dipartimenti per la gestione dei corsi di laurea che richiedono la collaborazione di più dipartimenti;

2. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN MANO AGLI ESTERNI: l’università funzionerà come un’azienda. Il consiglio di amministrazione sarà composto, oltre al rettore e ad un rappresentante degli studenti, da membri esterni all’università (la metà o tutti, a seconda delle proposte): insomma, avremo un’università gestita da commercialisti, manager, chi lo sa? Forse ci sono da sistemare un po’ di brillanti amministratori rimasti senza lavoro: d’altra parte, dall’Alitalia alle Ferrovie dello Stato la gestione privatistica del denaro pubblico ha dato ottimi frutti, nel nostro paese.

3. PRECARIZZAZIONE DELLA RICERCA: il ddl prevede l’istituzione della figura del ricercatore con contratto a tempo determinato, e spariranno tutte le figure intermedie (assegni di ricerca, post-dottorato ecc.). La didattica e la ricerca, in questo modo, verranno affidate a soggetti precarizzati con ovvie conseguenze sulla qualità di entrambe.

4. LA BANDIERA DELLA (FALSA) MERITOCRAZIA: sarà la grande bandiera, per quanto si può prevedere, con la quale sarà presentata questa riforma, così come è stato per gli interventi sull’università di quest’ultimo anno. Diranno che con questa riforma saranno premiati soltanto i migliori, e che finalmente il sistema feudale dei baroni scomparirà. La realtà: ricerca, didattica e “virtuosità” degli atenei saranno valutate soltanto in base a parametri economici e quantitativi (numero delle pubblicazioni e delle citazioni). E’ evidente che per valutare la QUALITA’ del sapere, della formazione e della ricerca una serie di numeri può dire ben poco. Un esempio è quello della valutazione della percentuale dei laureati prodotti da un ateneo: basta promuovere tutti a tutti gli esami ed è fatta: hai vinto! Ma non è altrettanto facile “produrre” un sapere di qualità, delle menti critiche e dei laureati preparati. Cosa che d’altra parte ai nostri legislatori poco interessa.

Se poi avete voglia di giocare a “TROVA LE DIFFERENZE”, questa è la Proposta di legge PD sull’università. Per non essere del tutto disfattisti, c’è da notare che questa proposta almeno prevede che si arrivi gradualmente a stanziare il 3% del PIL per l’università e la ricerca, e cancella l’articolo della 133 che prevede la trasformazione degli atenei in fondazioni private.

Infine, un commento: http://ledonniverdiverona.blogspot.com/2009/05/riforma-gelmini-delluniversita-in.html